Warning: ini_set(): A session is active. You cannot change the session module's ini settings at this time in /web/htdocs/www.giacomolino.it/home/libraries/joomla/session/handler/joomla.php on line 48
Studio Giacomolino - PARTE IL 2° LOCKDOWN - Limitazioni suddivise per zone

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca "maggiori informazioni"

Scattano i lockdown territoriali nelle zone a rischio elevato.Con quali divieti e limitazioni?

La curva dei contagi non accenna a rallentare e il Governo, come già ampiamente anticipato, vara, con un nuovo D.P.C.M., misure più stringenti. Non si tratta di un lockdown nazionale come è successo in primavera, ma di blocchi in alcune Regioni, con misure graduate in base al rischio epidemiologico. Pertanto, per le “zone rosse” classificate a rischio 4 si assisterà a una chiusura pressoché totale delle attività economiche eccetto quelle essenziali mentre nelle “zone arancioni” a rischio 3 le chiusure, come anche i divieti agli spostamenti, saranno meno stringenti.

 IMPORTANTE: Il decreto in oggetto è stato emesso durante la scorsa notte e il testo definitivo non è ancora stato pubblicato in G.U., pertanto la presente circolare informativa deve considerarsi solo una prima anticipazione alla quale faranno seguito ulteriori approfondimenti.

 Dal 5 novembre al 3 dicembre alcune zone dell’Italia piombano nuovamente nel lockdown quasi del tutto simile a quello sperimentato, però con effetto su tutta Italia, in primavera.

È questo l’effetto combinato di un nuovo D.P.C.M. emanato dal Governo e di alcune ordinanze del Ministero della Salute di imminente emanazione.

Infatti, con il D.P.C.M. - che avrà effetto da Giovedì 5 novembre - sono state definiti i limiti e gli obblighi cui devono attenersi i soggetti che risiedono in determinate Regioni con un livello di rischio epidemiologico “alto” classificate con “scenario di tipo 4” (o rosso) oppure con “scenario di tipo 3” (o arancione).

Nel nuovo D.P.C.M. non mancano, poi, novità di carattere generale che interessano tutto il resto del territorio italiano (zona gialla), tra cui il “coprifuoco” (ovvero il divieto di spostamenti se non giustificati) a partire dalle 22 e la chiusura dei centri commerciali nei giorni prefestivi e i festivi.

Partendo proprio da queste novità a livello nazionale, proviamo ad approfondire cosa ci aspetta in questo “autunno caldo” a livello nazionale e a livello regionale (Lombardia).

Regole nazionali

Oltre a quanto già in vigore con il precedente D.P.C.M. del 24 ottobre 2020, tra cui la chiusura degli esercizi di ristorazione alle 18 (salvo l’effettuazione di servizio di consegna a domicilio o fino alle 22, con asporto), si prevede anche:

- la limitazione della circolazione delle persone (il c.d. coprifuoco) a partire dalle 22 alle 5, salvo comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità ovvero per motivi di salute (quindi, si torna alle autocertificazioni);

- la chiusura dei musei e delle mostre;

- la didattica a distanza al 100% per le scuole superiori, salvo attività laboratori in presenza; per le scuole elementari e medie e per i servizi all’infanzia è consentita l’attività in presenza ma con uso obbligatorio delle mascherine (salvo che per i bimbi al di sotto dei 6 anni);

- la chiusura, nelle giornate festive e prefestive, delle medie e grandi strutture di vendita, ad eccezione delle farmacie e parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole;

- la sospensione dello svolgimento delle prove preselettive e scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private e di quelle di abilitazione all’esercizio delle professioni esclusi i casi in cui la valutazione dei candidati è effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica;

- la chiusura dei corner scommesse e giochi nei bar e nelle tabaccherie;

- la sospensione delle mostre e dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura;

- la sospensione delle crociere delle navi passeggeri battenti bandiera italiana, escluse quelle in corso entro l’8 novembre.

Inoltre, i mezzi pubblici dovranno viaggiare con coefficiente di riempimento massimo del 50% e resta fortemente raccomandato a tutti, per tutto l’arco della giornata, di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio o per motivi di salute.

Regioni o zone classificate a rischio rosso (regione Lombardia)

Un vero e proprio lockdown, invece, scatta per le regioni o territori a più alto rischio epidemiologico, ovvero quelle classificate a rischio rosso ossia di livello 4 (in base alle indiscrezioni circolate si tratterà quasi sicuramente della Lombardia, Piemonte, Calabria, Alto Adige e Valle D’Aosta).

In queste regioni o territori è previsto:

- il divieto di ogni spostamento in entrata e in uscita dalla Regione e anche all’interno del territorio stesso (sempre salvo necessità e urgenza);

- la chiusura dei negozi al dettaglio (quindi i negozi all’ingrosso restano aperti), tranne le farmacie, le parafarmacie, le edicole, i tabaccai e le rivendite di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato al D.P.C.M. sia nell'ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell'ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l'accesso alle sole predette attività;

- la chiusura dei mercati di generi non alimentari;

- la chiusura degli esercizi di ristorazione ovvero bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie; anche in questo caso, resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio, nonché fino alle ore 22,00 la ristorazione con asporto;

- la sospensione delle attività sportive, anche svolte nei centri sportivi all’aperto;

- la possibilità di svolgere individualmente attività motoria (cioè fare passeggiate) in prossimità della propria abitazione, nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di mascherina; è altresì consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto ed in forma individuale.

Per quanto riguarda l’istruzione dovrebbe essere consentita l’attività scolastica in presenza per scuola dell’infanzia, elementare e prima media (pertanto, la didattica a distanza è obbligatoria a partire dalla seconda media, salvo che non siano in vigore ordinanze regionali più restrittive).

Un’ultima annotazione riguarda le attività di parrucchieri, barbieri, estetisti: inserite tra le attività sospese, con ogni probabilità, nella versione del D.P.C.M. in Gazzetta Ufficiale, dovrebbero essere “salvate” e, quindi, ammesse anche per le zone rosse.

***