Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca "maggiori informazioni"

Bonus 1.000 euro: ecco chi lo prende e chi non lo prende

 

Con il nostro Comunicato di Studio del 19.05.220 Vi avevamo anticipato l’arrivo di un Bonus covid-19 anche per il mese di maggio. L’Inps, con un suo comunicato di ieri, definisce quali categorie beneficeranno del contributo senza neanche presentare la domanda, quali dovranno presentare la domanda e quali invece sono escluse a prescindere.

La principale novità consiste nel fatto che il Comunicato sembra escludere gli iscritti alla Gestione Ago (ossia i commercianti ed artigiani) dal Bonus di maggio, attendiamo comunque una prossima circolare attuativa Inps prima di confermare definitivamente tale esclusione.

Bonus 1.000 euro: ecco chi lo prende senza domanda

 

Bonus 1.000 euro di maggio: vediamo chi lo prende anche senza domanda, escludendo già in partenza i titolari di partita IVA di cui abbiamo detto.

È proprio INPS a indicarlo nell’area riservata della procedura online per inoltrare la domanda del bonus 1.000 euro, o anche per quello da 600 euro.

Oltre ai liberi professionisti titolari di partita IVA possono ottenere, come da articolo 84 del decreto Rilancio anche:

  • i lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.), iscritti alla Gestione separata INPS, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che abbiano cessato il rapporto di lavoro alla data di entrata in vigore del decreto Rilancio (19 maggio 2020);
  • i lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, non titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di NASPI, alla data del 19 maggio 2020.

Come specifica INPS:

“Ad eccezione dei liberi professionisti e partecipanti a studi associati/società semplice, per coloro che hanno già richiesto l’indennità per i mesi di marzo e aprile, in caso di accoglimento sarà rinnovata automaticamente per il mese di maggio senza necessità di presentare nuova domanda.”

Coloro che hanno ottenuto già il bonus 600 euro di marzo e aprile rientrando nelle categorie suddette non devono presentare la domanda per il bonus 1.000 euro di maggio che viene riconosciuto in automatico. Il bonus 1.000 euro di maggio non spetta ad artigiani e commercianti.

Scrive infatti INPS:

Si precisa che con riferimento ai lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni speciali dell’Ago (ARTIGIANI E COMMERCIANTI)  ed ai lavoratori agricoli a tempo determinato e le altre categorie di lavoratori iscritti negli elenchi annuali, non è previsto il beneficio per il mese di maggio.”

leggi anche

Bonus 600 euro: automatico anche a maggio

 

Non solo il bonus 1.000 euro perché anche il bonus di 600 euro viene riconosciuto in automatico anche a maggio. Sempre INPS, nel presentare le indennità nell’area riservata specifica che possono richiedere per il mese di marzo, aprile e maggio il bonus 600 euro le nuove categorie di beneficiari che trovano spazio nel decreto Rilancio e vale a dire:

  • lavoratori stagionali dei settori diversi dal turismo e stabilimenti termali;
  • lavoratori intermittenti;
  • lavoratori con contratto di lavoro autonomo occasionale;
  • incaricati alle vendite a domicilio.

Inoltre si possono fare richiesta per il bonus di 600 euro di aprile e maggio previsto sempre dal decreto Rilancio:

  • lavoratori dello spettacolo iscritti al Fondo pensioni dei lavoratori dello spettacolo con almeno 7 contributi giornalieri versati nell’anno 2019 e con un reddito derivante non superiore a 35.000 euro,
  • lavoratori dello spettacolo iscritti al Fondo pensioni dei lavoratori dello spettacolo con almeno 30 contributi giornalieri versati nell’anno 2019 e con un reddito derivante non superiore a 50.000 euro;
  • lavoratori somministrati impiegati presso imprese utilizzatrici del settore turismo e stabilimenti termali.

Come sottolinea l’Istituto coloro che hanno ottenuto il bonus di 600 euro a marzo riconosciuto da INPS, per il mese di aprile e maggio avranno il riconoscimento automatico senza necessità di una domanda ulteriore.

Ricordiamo che ai lavoratori somministrati impiegati presso imprese utilizzatrici del settore turismo e stabilimenti termali a maggio, secondo il decreto Rilancio, dovrebbe essere riconosciuto il bonus 1.000 euro se hanno “cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, non titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di NASPI, alla data di entrata in vigore della presente disposizione (19 maggio 2020).”

Per ulteriori dettagli occorre attendere una circolare o messaggio INPS.